Legge federale del 5 ottobre 2001 sulla protezione del design (stato 1° luglio 2011)

L’Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

visti gli articoli 122 e 123 della Costituzione federale1; visto il messaggio del Consiglio federale del 16 febbraio 20002,

decreta:

Capitolo 1: Disposizioni generali

Sezione 1: Oggetto e condizioni della protezione

Art. 1 Oggetto della protezione

La presente legge protegge in quanto design le creazioni di prodotti o parti di pro- dotti caratterizzati in particolare dalla disposizione di linee, superfici, contorni o colori oppure dal materiale utilizzato.

Art. 2 Condizioni della protezione

1 Un design puo esser protetto se è nuovo e originale.

2 Il design non è nuovo se, prima della data di deposito o di priorité, è stato reso accessibile al pubblico un design identico che poteva essere noto negli ambienti economici svizzeri del settore.

3 Il design non è originale se, nell’effetto generale da esso suscitato, si distingue sol- tanto in virtù di caratteristiche insignificanti da un design che poteva essere noto negli ambienti economici svizzeri del settore.

Art. 3 Divulgazioni non opponibili

La divulgazione di un design durante i dodici mesi che precedono la data di deposito o di priorité non è opponibile alla persona che è titolare del diritto di protezione (titolare del diritto), se:

a. terzi hanno abusivamente divulgato il design a danno dell’avente diritto;

b. l’avente diritto ha divulgato egli stesso il design.

RU 2002 1456

1 RS 101

2 FF 2000 2432

Art. 4 Motivi di esclusione

La protezione del design è esclusa, se:

a. non è depositato un design ai sensi dell’articolo 1;

b. al momento del deposito il design non adempie le condizioni secondo l’articolo 2;

c. le caratteristiche del design risultano esclusivamente dalla funzione tecnica del prodotto;

d. il design viola il diritto federale o trattati internazionali3;

e. il design è contrario all’ordine pubblico o ai buoni costumi.

Sezione 2: Esistenza del diritto di design

Art. 5 Nascita del diritto di design e durata della protezione

1 Il diritto di design nasce con l’iscrizione nel registro dei design (registro).

2 La protezione dura per cinque anni a contare dalla data del deposito.

3 Puo essere rinnovata per altri quattro periodi di cinque anni ciascuno.

Art. 6 Priorité di deposito

Il diritto di design spetta a chi deposita per primo il design.

Art. 7 Legittimazione al deposito

1 È legittimato al deposito chi ha creato il design, il suo successore in diritto o terzi cui il diritto appartiene in virtù di un altro titolo giuridico.

2 Qualora più persone abbiano creato insieme un design, esse sono legittimate al deposito in comune, salvo convenzione contraria.

Sezione 3: Estensione della protezione ed effetti Art. 8 Estensione della protezione

3 La protezione del diritto di design si estende ai design che presentano gli stessi caratteri essenziali e suscitano pertanto il medesimo effetto generale del design registrato.

Testo rettificato dalla Commissione di redazione dell’AF (art. 33 LRC – RU 1974 1051).

Art. 9 Effetti del diritto di design

1 Il diritto di design conferisce al titolare del diritto la facoltà di vietare ad altri di usare il design a scopi commerciali. Per uso si intende in particolare la produzione, l’immagazzinamento, l’offerta, la messa in commercio, l’importazione, l’esporta- zione e il transito nonché il possesso per detti scopi.

1bls Il titolare del diritto puo vietare l’importazione, l’esportazione e il transito di merci fabbricate a titolo commerciale anche quando avvengono per scopi privati.4

2 Il titolare del diritto puo inoltre vietare a terzi di partecipare a un uso illecito, di favorirlo o di agevolarlo.

Art. 10 Obbligo di informare del titolare del diritto

Chi rimanda, su merci o in atti d’affari, a una protezione del design senza indicare il numero del diritto di design è tenuto a comunicarlo gratuitamente su richiesta.

Art. 11 Più aventi diritto

Salvo convenzione contraria, più aventi diritto dispongono in comune delle preroga¬tive secondo l’articolo 9.

Art. 12 Diritto di proseguire l’uso

1 Il titolare del diritto non puo vietare a terzi di continuare a usare, nella stessa misura, un design che avevano usato in buona fede in Svizzera durante i seguenti periodi:

a. prima della data di deposito o di priorità;

b. durante la durata del differimento della pubblicazione (art. 26).

2 Il diritto di proseguire l’uso è trasferibile soltanto insieme all’azienda.

Art. 13 Diritto di coutenza

1 Il titolare del diritto non puo opporre il design registrato a terzi che, in buona fede, hanno usato commercialmente il design in Svizzera fra l’ultimo giorno del termine di pagamento dell’emolumento relativo a un ulteriore periodo di protezione e il giorno in cui è stata presentata la domanda di proseguimento della procedura (art. 31) o che hanno effettuato a tale scopo speciali preparativi.

2 Il diritto di coutenza è trasferibile soltanto insieme all’azienda.

3 Chi rivendica il diritto di coutenza deve versare al titolare del diritto un equo indennizzo a partire dal risorgere del diritto di design.

Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

Art. 14 Trasferimento

1 Il titolare del diritto puo trasferire interamente o in parte il diritto di design.

2 Per essere valido il trasferimento esige la forma scritta, ma non l’iscrizione nel registro. Esso ha effetto nei confronti di terzi in buona fede soltanto una volta iscritto nel registro.

3 Fino alla registrazione del trasferimento:

a. i titolari di licenza in buona fede possono liberarsi degli obblighi fornendo le prestazioni al precedente titolare del diritto;

b. possono essere promosse azioni secondo la presente legge contro il prece¬dente titolare del diritto.

Art. 15 Licenza

1 Il titolare del diritto puo concedere a terzi l’uso esclusivo o non esclusivo del diritto di design o di singole facoltà da esso derivanti.

2 La licenza è iscritta nel registro su domanda di una delle parti. In tal modo diventa opponibile a ogni diritto sul design acquisito posteriormente.

Art. 16 Usufrutto e pegno

1 Il diritto di design puo essere oggetto di usufrutto o costituito in pegno.

2 L’usufrutto e la costituzione in pegno sono opponibili a un acquirente in buona fede del diritto di design soltanto quando sono iscritti nel registro. La registrazione avviene su domanda di una delle parti.

3 Fino alla registrazione del diritto di usufrutto, i titolari di licenza in buona fede possono liberarsi degli obblighi fornendo le prestazioni al precedente titolare del diritto.

Art. 17 Esecuzione

Il diritto di design puo essere oggetto di procedure esecutive.

Sezione 4: Rappresentanza

Art. 185

Chi è parte in una procedura amministrativa secondo la presente legge e non ha né domicilio né sede in Svizzera deve designare un recapito in Svizzera.

Nuovo testo giusta il n. 2 dell’all. alla LF del 20 mar. 2009 sui consulenti in brevetti, in vigore dal 1° lug. 2011 (RU 2011 2259; FF 2008 305).

Capitolo 2: Deposito e registrazione Sezione 1: Deposito

Art. 19 Condizioni generali

1 Il design è considerato depositato dal momento in cui è presentata una domanda di registrazione all’Istituto federale della proprietà intellettuale (Istituto). La domanda contiene:

a. la richiesta di registrazione;

b. una raffigurazione del design idonea per la riproduzione; se la raffigurazione non soddisfa questa condizione, l’Istituto concede al depositante un termine per ovviare a tale mancanza.

2 Entro il termine fissato dall’Istituto, va inoltre pagato l’emolumento previsto per il primo periodo di protezione.

3 Nel caso in cui il design depositato sia bidimensionale (disegno) e sia stato chiesto il differimento della pubblicazione ai sensi dell’articolo 26, si puo inviare un esem- plare del design in luogo e vece della raffigurazione. Se è tuttavia previsto che la protezione del design debba essere mantenuta dopo la scadenza del differimento , va preventivamente fatta pervenire all’Istituto una raffigurazione del design idonea per la riproduzione.

4 Contro versamento di un emolumento, il design puo essere corredato di una descri- zione di 100 parole al massimo al fine di spiegare la raffigurazione.

Art. 20 Deposito cumulativo

1 I design che, secondo l’Accordo di Locarno dell’8 ottobre 1968 istitutivo di una classificazione internazionale per i disegni o modelli industriali, appartengono alla stessa classe possono essere depositati mediante deposito cumulativo.

2 Il Consiglio federale puo limitare le dimensioni e il peso del deposito cumulativo. Art. 21 Effetto del deposito

Il deposito crea la presunzione della novità e dell’originalità del design nonché del diritto al deposito.

Sezione 2: Priorità

Art. 22 Condizioni ed effetti della priorità

1 Se un design è stato oggetto di un primo deposito regolare, effettuato o esplicante i suoi effetti in un altro Stato firmatario della Convenzione d’Unione di Parigi del 20 marzo 1883 per la protezione della proprietà industriale, il depositante o il suo successore in diritto possono rivendicare la data del primo deposito per depositare lo stesso design in Svizzera, a condizione che il deposito in Svizzera avvenga entro sei mesi dal primo deposito.

2 Il primo deposito in uno Stato che garantisce alla Svizzera la reciprocità ha gli stessi effetti del primo deposito in uno Stato firmatario della Convenzione d’Unione di Parigi.

Art. 23 Requisiti formali

1 Chi intende rivendicare un diritto di priorità deve presentare all’Istituto una dichia- razione di priorité. L’Istituto puo esigere la presentazione di un attestato di priorité.

2 La pretesa decade se i termini e i requisiti formali stabiliti dal Consiglio federale non sono rispettati.

3 La registrazione di una priorité crea unicamente una presunzione a favore del titolare del diritto.

Sezione 3:

Registrazione e rinnovo della protezione; comunicazione elettronica con le autorità

Art. 24 Registrazione

1 Un design depositato conformemente alle prescrizioni giuridiche è iscritto nel registro.

2 L’Istituto non entra nel merito della domanda di registrazione, se i requisiti formali secondo l’articolo 19 capoversi 1 e 2 non sono soddisfatti.

3 L’Istituto respinge la domanda di registrazione quando è evidente che esiste un motivo d’esclusione secondo l’articolo 4 lettere a, d o e.

4 Nel registro sono inoltre iscritte tutte le modificazioni relative al diritto di design o agli aventi diritto. Il Consiglio federale puo prevedere l’iscrizione di ulteriori indica- zioni, come restrizioni della liberté di disporre decise da giudici o da autorité prepo- ste alle procedure esecutive.

Art. 25 Pubblicazione

1 L’Istituto pubblica, in base alle iscrizioni nel registro, le indicazioni previste dal- l’ordinanza e una riproduzione del design depositato.

2 L’Istituto designa l’organo di pubblicazione.

Art. 26 Differimento della pubblicazione

1 Il depositante puo chiedere per scritto che la pubblicazione sia differita di 30 mesi al massimo a contare dalla data di deposito o di priorità.

2 Durante il periodo di differimento, il titolare del diritto puo chiedere in ogni momento la pubblicazione immediata.

3 L’Istituto mantiene segreto il design depositato fino alla scadenza del periodo di differimento. Il segreto è mantenuto illimitatamente, se il deposito viene ritirato prima della scadenza del periodo di differimento.

Art. 26a Comunicazione elettronica con le autorità

1 Il Consiglio federale puo autorizzare l’Istituto a disciplinare le comunicazioni per via elettronica nel quadro delle disposizioni generali sull’amministrazione della giustizia federale.

2 I fascicoli e gli atti possono essere tenuti e conservati in forma elettronica.

3 Il registro puo essere tenuto in forma elettronica.

4 L’Istituto puo rendere i suoi dati accessibili a terzi in particolare attraverso la procedura elettronica di richiamo; esso puo esigere una rimunerazione per questo servizio.

5 Le pubblicazioni dell’Istituto possono essere fatte in forma elettronica; la versione elettronica è tuttavia determinante soltanto se i dati sono pubblicati esclusivamente in forma elettronica.

Art. 27 Pubblicità del registro e consultazione degli atti

1 Chiunque puo consultare il registro, ottenere informazioni sul suo contenuto e chiedere estratti; è fatto salvo l’articolo 26.

2 Chiunque ha inoltre il diritto di prendere visione del fascicolo relativo ai design registrati. Il Consiglio federale puo restringere il diritto alla consultazione soltanto se vi si oppongono segreti di fabbricazione o di affari o altri interessi preponderanti.

3 A titolo eccezionale il fascicolo puo essere consultato prima dell’iscrizione a condizione che questo non abbia effetti sulle condizioni e sull’estensione della protezione (art. 2-17). Il Consiglio federale disciplina i dettagli.

Art. 28 Cancellazione della registrazione

L’Istituto cancella del tutto o in parte la registrazione se:

a. il titolare del diritto ne chiede la cancellazione;

b. la registrazione non viene rinnovata;

c. gli emolumenti previsti non vengono pagati;

d. la registrazione è dichiarata nulla da una sentenza cresciuta in giudicato; o

e. il termine di protezione giusta l’articolo 5 è scaduto.

Art. 29 Deposito internazionale

Chi effettua il deposito internazionale di un disegno o modello industriale (design) con denominazione Svizzera consegue la protezione garantita dalla presente legge come nel caso di deposito in Svizzera. Qualora le disposizioni dell’Accordo dell’Aja del 6 novembre 1925 concernente il deposito internazionale dei disegni o modelli industriali siano più favorevoli al depositario internazionale di quelle della presente legge, esse prevalgono su queste ultime.

Sezione 4: Emolumenti Art. 30

L’ammontare degli emolumenti da pagare secondo la presente legge e la relativa ordinanza nonché le modalité di pagamento sono retti dal Regolamento del 28 aprile 1997 sulle tasse dell’Istituto della proprieté intellettuale (OT-IPI).

Capitolo 3: Protezione giuridica Sezione 1:

Proseguimento della procedura in caso di inosservanza dei termini Art. 31

1 Se non osserva un termine che va rispettato nei confronti dell’Istituto, il depositan- te o titolare del diritto puo chiedere all’Istituto il proseguimento della procedura.

2 La domanda deve essere presentata entro due mesi dal momento in cui si è avuto conoscenza dell’inosservanza del termine, ma al massimo entro sei mesi dalla sca- denza del termine non osservato. Entro detti termini, il depositante o il titolare del diritto deve inoltre aver compiuto integralmente l’atto omesso e pagato l’emo- lumento per il proseguimento della procedura.

3 L’accettazione della domanda di proseguimento della procedura da parte dell’Isti¬tuto ripristina la situazione che si sarebbe avuta compiendo l’atto per tempo.

4 Il proseguimento della procedura è escluso in caso di inosservanza dei termini:

per la presentazione della domanda di proseguimento della procedura;

per rivendicare una priorité.

Sezione 2: …

Art. 32

Sezione 3: Diritto civile

Art. 33 Azione d’accertamento

Chiunque dimostri un interesse giuridico puo far accertare dal giudice l’esistenza o l’inesistenza di un diritto o di un rapporto giuridico ai sensi della presente legge.

Art. 34 Azione per cessione

1 Chiunque dimostri un diritto prevalente puo pretendere in giudizio la cessione del diritto di design da parte del titolare del diritto.

2 Se il titolare del diritto è in buona fede, l’azione nei suoi confronti va promossa entro due anni dalla pubblicazione del design.

3 Se il giudice ordina la cessione, le licenze o gli altri diritti concessi nel frattempo a terzi si estinguono; detti terzi hanno tuttavia diritto al rilascio di una licenza non esclusiva qualora, in buona fede, abbiano usato industrialmente il design in Svizzera o abbiano effettuato a tale scopo speciali preparativi.

4 Sono fatte salve le pretese di risarcimento dei danni.

Art. 35 Azione d’esecuzione di una prestazione

1 Il titolare del diritto, che è leso o rischia di essere leso nel suo diritto, puo chiedere al giudice di:

a. proibire una lesione imminente;

b. far cessare una lesione attuale;

c. obbligare la parte convenuta a indicare la provenienza e l’entità degli oggetti in suo possesso prodotti illecitamente nonché i destinatari e l’entità delle loro ulteriori forniture ad acquirenti commerciali.

2 Sono fatte salve le azioni secondo il Codice delle obbligazioni volte al risarci¬mento del danno, alla riparazione del torto morale, nonché alla consegna dell’utile secondo le disposizioni della gestione d’affari senza mandato.

3 L’azione d’esecuzione di una prestazione puo essere promossa soltanto dopo l’iscrizione del design nel registro. Un danno puo essere fatto valere con effetto retroattivo al momento in cui la parte convenuta ha avuto conoscenza del contenuto della domanda di registrazione.

4 Chi dispone di una licenza esclusiva è legittimato in proprio all’azione indipen- dentemente dal fatto che la licenza sia iscritta nel registro, sempre che il contratto di licenza non lo escluda espressamente. Tutti i titolari di una licenza possono inter- venire in un’azione per contraffazione per far valere il danno da essi subito.

Art. 36 Confisca nella procedura civile

Il giudice puo ordinare la confisca e la realizzazione o la distruzione degli oggetti prodotti illecitamente o delle installazioni, apparecchi e altri mezzi che servono prevalentemente alla loro produzione.

Art. 3721

Art. 38 Provvedimenti cautelari

Chi chiede al giudice di ordinare provvedimenti cautelari puo in particolare esigere che il giudice prenda provvedimenti per:

a. assicurare le prove;

b. accertare la provenienza degli oggetti prodotti illecitamente;

c. salvaguardare lo stato di fatto; o

d. attuare a titolo provvisorio le pretese di omissione o di cessazione della tur- bativa.

Art. 39 Pubblicazione della sentenza

Su domanda della parte vincente, il giudice puo ordinare che la sentenza sia pubbli- cata a spese della parte soccombente. Il giudice fissa le modalité e l’estensione della pubblicazione.

Art. 40 Trasmissione delle sentenze

Le autorité giudiziarie trasmettono all’Istituto, gratuitamente e in copia integrale, le sentenze passate in giudicato.

Sezione 4: Diritto penale

Art. 41 Violazione del diritto di design

1 Chiunque, intenzionalmente, viola il diritto di design:

a. usando illecitamente il design;

b. partecipando a un atto d’uso o avendone favorito o facilitato l’esecuzione;

c. rifiutando di indicare all’autorité competente la provenienza e l’entité degli oggetti in suo possesso prodotti illecitamente nonché i destinatari e l’entité delle loro ulteriori forniture ad acquirenti commerciali,

su querela del titolare del diritto è punito con una pena detentiva sino a un anno o con una pena pecuniaria.24

2 Se agisce per mestiere, l’autore del reato è perseguito d’ufficio. È punito con una pena detentiva fino a cinque anni o con una pena pecuniaria. Con la pena detentiva è cumulata una pena pecuniaria.25

Art. 41a26 Atti esenti da pena

Gli atti di cui all’articolo 9 capoverso 1bis sono esenti da pena. Art. 42 Infrazioni commesse nell’azienda

Ai dipendenti, mandatari o rappresentanti che commettono infrazioni nell’azienda sono applicabili gli articoli 6 e 7 della legge federale del 22 marzo 197427 sul diritto penale amministrativo.

Art. 43 Sospensione del procedimento

1 Il giudice puo sospendere il procedimento penale quando l’imputato fa valere in un procedimento civile la nullité o la non violazione del diritto di design.

2 Qualora in un procedimento penale si sostenga la nullité o la non violazione del diritto di design, il giudice puo fissare un termine adeguato per farle valere in un procedimento civile.

3 Durante la sospensione del procedimento è sospesa anche la prescrizione.

Nuovo testo giusta il n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

Nuovo testo giusta il n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1). RS 313.0

Art. 44 Confisca nella procedura penale

Anche in caso di assoluzione, il giudice puo ordinare la confisca o la distruzione degli oggetti prodotti illecitamente e delle installazioni, apparecchi e altri mezzi che servono prevalentemente alla loro produzione.

Art. 45 Perseguimento penale

Il perseguimento penale compete ai Cantoni.

Sezione 5: Intervento dell’Amministrazione delle dogane Art. 46 Denuncia di merci sospette

1 L’Amministrazione delle dogane è autorizzata ad avvisare il titolare del diritto di un design depositato, qualora sospetti l’imminente importazione, esportazione o transito di oggetti fabbricati illecitamente.

2 In tali casi l’Amministrazione delle dogane è autorizzata a trattenere gli oggetti durante tre giorni feriali affinché il titolare del diritto possa presentare una domanda giusta l’articolo 47.

Art. 47 Domanda d’intervento

1 Il titolare del diritto di un design depositato o il titolare di una licenza legittimato all’azione che abbia indizi concreti per ritenere imminente l’importazione, l’esporta- zione o il transito di oggetti fabbricati illecitamente, puo chiedere per scritto all’Amministrazione delle dogane di negare lo svincolo di tali oggetti.

2 La persona che presenta la domanda (richiedente) deve fornire tutte le indicazioni di cui dispone e che sono necessarie per la decisione dell’Amministrazione delle dogane; fornisce tra l’altro una descrizione esatta degli oggetti.

3 L’Amministrazione delle dogane decide definitivamente in merito alla domanda. Puo riscuotere una tassa a copertura delle spese amministrative.

Art. 48 Trattenuta degli oggetti

1 Se, in seguito a una domanda secondo l’articolo 47 capoverso 1, ha motivi fondati di sospettare che determinati oggetti destinati all’importazione, all’esportazione o al transito siano stati fabbricati illecitamente, l’Amministrazione delle dogane lo comunica al richiedente, nonché al dichiarante, detentore o proprietario degli ogget- ti.32

2 L’Amministrazione delle dogane trattiene gli oggetti in questione fino dieci giorni feriali a contare dal momento della comunicazione secondo il capoverso 1, affinché il richiedente possa ottenere provvedimenti cautelari.

3 In casi motivati, l’Amministrazione delle dogane puo trattenere gli oggetti in questione per altri dieci giorni feriali al massimo.

Art. 48a33 Campioni

1 Durante la ritenzione degli oggetti, l’Amministrazione delle dogane è abilitata, su domanda, a consegnare o inviare, per esame, campioni degli oggetti al richiedente o a consentirgli di ispezionare gli oggetti ritenuti.

2 Le spese per il prelievo e l’invio dei campioni sono a carico del richiedente.

3 Dopo l’esame, i campioni, sempre che cio sia opportuno, devono essere restituiti. Se rimangono presso il richiedente, i campioni sottostanno alle disposizioni della legislazione doganale.

Art. 48è34 Tutela dei segreti di fabbricazione e d’affari

1 Contemporaneamente alla comunicazione di cui all’articolo 48 capoverso 1, l’Amministrazione delle dogane informa il dichiarante, detentore o proprietario degli oggetti della possibile consegna di campioni o della possibilità di ispezionarli secon- do l’articolo 48a capoverso 1.

2 Il dichiarante, detentore o proprietario puo chiedere di essere presente durante l’ispezione al fine di tutelare i propri segreti di fabbricazione o d’affari.

3 L’Amministrazione delle dogane puo, su richiesta motivata del dichiarante, deten- tore o proprietario, rifiutare la consegna di campioni.

Art. 48c35 Domanda di distruzione degli oggetti

1 Insieme con la domanda secondo l’articolo 47 capoverso 1, il richiedente puo chiedere per scritto all’Amministrazione delle dogane di distruggere gli oggetti.

Nuovo testo giusta il n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

2 Se è presentata una domanda di distruzione degli oggetti, l’Amministrazione delle dogane ne avvisa ill dichiarante, detentore o proprietario nella comunicazione di cui all’articolo 48 capoverso 1.

3 La domanda di distruzione degli oggetti non implica un prolungamento dei termini per chiedere provvedimenti cautelari secondo l’articolo 48 capoversi 2 e 3.

Art. 48d36 Consenso

1 Per la distruzione degli oggetti è necessario il consenso del dichiarante, detentore o proprietario.

2 Il consenso è considerato dato se il dichiarante, detentore o proprietario non si oppone espressamente alla distruzione degli oggetti entro i termini di cui all’arti- colo 48 capoversi 2 e 3.

Art. 48e37 Mezzi probatori

Prima della distruzione degli oggetti, l’Amministrazione delle dogane preleva cam- pioni e li conserva come prova per un’eventuale azione per risarcimento dei danni.

Art. 48f8 Risarcimento

1 Se la distruzione degli oggetti si rivela ingiustificata, soltanto il richiedente rispon- de del danno.

2 Se il dichiarante, detentore o proprietario ha acconsentito per scritto alla distru¬zione della merce, il richiedente non puo essere chiamato a rispondere del danno nemmeno se successivamente la distruzione si rivela ingiustificata.

Art. 48g39 Spese

Le spese per la distruzione degli oggetti sono a carico del richiedente.

Sulle spese per il prelievo e la conservazione di campioni ai sensi dell’articolo 48e decide il giudice nell’ambito del giudizio relativo alle pretese di risarcimento dei danni secondo l’articolo 48f capoverso 1.

36 Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008

(RU 2008 2551; FF 2006 1).

37 Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008

(RU 2008 2551; FF 2006 1).

38 Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008

(RU 2008 2551; FF 2006 1).

39 Introdotto dal n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008

(RU 2008 2551; FF 2006 1).

Art. 4940 Dichiarazione di responsabilità e risarcimento

1 Se vi è da temere un danno dovuto alla ritenzione degli oggetti, l’Amministrazione delle dogane puo subordinare la ritenzione a una dichiarazione di responsabilità da parte del richiedente. Al posto di tale dichiarazione, l’Amministrazione delle dogane puo, in casi motivati, chiedere al richiedente un’adeguata garanzia.

2 Se non vengono ordinati provvedimenti cautelari o se i provvedimenti ordinati si rivelano infondati, il richiedente deve risarcire il danno causato dalla ritenzione della merce e dal prelievo dei campioni.

Capitolo 4: Disposizioni finali Art. 50 Esecuzione

Il Consiglio federale emana le disposizioni d’esecuzione.

Art. 51 Abrogazione e modifica del diritto previgente

L’abrogazione e la modifica del diritto previgente sono disciplinati nell’allegato.

Art. 52 Disposizioni transitorie

1 I disegni e i modelli registrati sottostanno al nuovo diritto dall’entrata in vigore della presente legge. Con la richiesta di proroga per un quarto periodo di protezione occorre presentare all’istituto una raffigurazione del design adatta per la riproduzio- ne.

2 I disegni e i modelli già depositati al momento dell’entrata in vigore della presente legge, ma non ancora registrati, sottostanno al diritto previgente fino al momento della registrazione.

3 I disegni e i modelli registrati in piego sigillato al momento dell’entrata in vigore della presente legge rimangono sigillati fino al termine del primo periodo di prote- zione.

4 L’articolo 35 capoverso 4 è applicabile soltanto ai contratti di licenza conclusi o confermati dopo la data di entrata in vigore della presente legge.

Art. 53 Referendum ed entrata in vigore

1 La presente legge sottostà al referendum facoltativo.

2 Il Consiglio federale ne determina l’entrata in vigore.

Data dell’entrata in vigore: 1° luglio 200241

40 Nuovo testo giusta il n. 4 dell’all. alla LF del 22 giu. 2007, in vigore dal 1° lug. 2008 (RU 2008 2551; FF 2006 1).

41 DCF dell’ 8 mar. 2002.

Allegato (art. 51)

Abrogazione e modifica del diritto vigente

I

La legge federale del 30 marzo 1900 sui disegni e modelli industriali è abrogata.

II

Le leggi federali qui appresso sono modificate come segue: … 43

21 Abrogato dal n. II 11 dell’all. 1 al codice di procedura civile del 19 dic. 2008, con effetto dal 1° gen. 2011 (RU 2010 1739; FF 2006 6593).

43 Le modifiche possono essere consultate alla RU 2002 1456.